La nostra terra,
La nostra storia...

All'ora blu...

Alla fine della giornata, c’è un’ora in cui le colline toscane diventano blu. Un’ora in cui rimane solo il fruscio delle ali e il fruscio dei rami, mentre gli uccelli tornano ai loro nidi.

La leggenda dice che a quest’ora blu, se si ascolta attentamente, si può sentire la valle risuonare delle risate dei bambini Lottero; un clamore gioioso che li accompagna a casa, con le menti piene di ricordi di una giornata di avventura, in una terra magica tagliata fuori dal rumore del mondo.

La leggenda vuole anche che ogni visitatore della Fattoria Lavacchio che lascia la tenuta porti con sé un pezzo di questa gioia.

Una gioia il cui sapore lo accompagnerà per sempre.

Figli della terra

“Al di là della sua maestosità, il Cedro è sempre stato per me il simbolo della nostra filosofia: coltivare e produrre rispettando una natura che ci offre tutto, se solo ci prendiamo il tempo di ascoltarla.”

Faye

Nel cuore delle splendide colline del Chianti Rufina

Situata sulla cima delle colline di Montefiesole, a circa 20 km da Firenze, la Fattoria Lavacchio si trova nel cuore della regione del Chianti Rufina.

La tenuta conta più di centoquindici ettari, ventiquattro dei quali sono dedicati ai vigneti e cinquantasei a oliveti, mentre il resto è dedicato a boschi, tartufaie, grano e orto.

Un patrimonio secolare

La Fattoria fu costruita nel 1700 dalla grande famiglia fiorentina dei Peruzzi, tanto illustre da essere menzionata da Dante ne La Divina Commedia.

Furono loro che, secondo la tradizione, piantarono a pochi metri dalla loro casa un cedro del Libano, un albero secolare che doveva rappresentare la forza e la longevità della dinastia delle famiglie nobili.

Questo maestoso cedro si erge ancora davanti alle colline di Montefiesole e oggi ha quasi 280 anni; è il simbolo della Fattoria e si trova sulle etichette di tutte le bottiglie prodotte nella tenuta, a testimonianza dell’attaccamento alle radici e alla tradizione.

Nel XIX secolo, la Fattoria cambiò proprietà e passò nelle mani di un’altra grande famiglia fiorentina, gli Strozzi Sacrati marchesi di Mantova. Una dinastia importante come lo fu, nel XV secolo, quella dei Medici. Gli Strozzi hanno segnato la storia della Toscana.

... una meravigliosa terra di gioco, sogni e avventura.

Anni dopo, in un giorno nebbioso e piovoso, un imprenditore di Genova e sua moglie scoprono le rovine del mulino della Fattoria Lavacchio.

Il nome dell’imprenditore è Marino Lottero. Nonostante la luce grigia, si innamorano immediatamente della tenuta, dopo aver perlustrato la zona per quasi un anno, alla ricerca di un rifugio dal rumore e dalla furia della città per sé e la propria famiglia.

Durante gli anni ’80 e ’90, mentre la tenuta continua a produrre ottimi vini, si trasforma in un meraviglioso parco giochi, ricco di sogni e avventure per i tre figli di Marino e sua moglie Barbara: Faye, Nathalie e Fabian, scorrazzano per le colline a piedi, a cavallo o in bicicletta.

Marino è un entusiasta. Ha energia da vendere. Molto rapidamente, con Barbara, intraprende lavori di rinnovamento e ristrutturazione. Pianta viti e ulivi e restaurarono le ville in rovina nello spirito toscano. Dopo alcuni anni, riporta il mulino agli antichi splendori.

L'avventura spiega le sue ali

È allora che i pianeti si allineano e i destini prendono forma: Faye e Dimitri diventano "contadini".

Il progetto si sviluppa. La tenuta è abbellita e modernizzata. Le ambizioni di Marino stanno crescendo.

Faye, la figlia maggiore, è annoiata dalla sua carriera di avvocato. È una donna d’azione, che vuole trovare un significato in tutto ciò che fa. Dopo diverse discussioni tra lei, Marino e suo marito Dimitri, la coppia decide di trasferirsi alla Fattoria per sviluppare la nascente offerta agrituristica.

Da un giorno all’altro, Faye e Dimitri, ex calciatore professionista dell’AS Monaco, lasciano la loro vita comoda per diventare “contadini”.

La storia familiare della grande storia della Fattoria Lavacchio può essere scritta di nuovo...

... per lasciare agli altri i ricordi della nostra infanzia.

Faye si realizza presto nell’accogliere i turisti e creare per loro i ricordi e le emozioni che ha vissuto da bambina e dopo qualche anno, il sangue della famiglia Lottero la porta a rivolgersi ad un altro sangue, altrettanto prezioso: quello della terra.

Oggi, con voi, è la storia accanto alla storia che continua ad essere scritta...

La Tenuta in poche cifre:
  • Nascita della tenuta : inizio del 18° secolo
  • Area della tenuta : 120 ettari
  • Varietà di uva : 7 varietà rosse, 6 varietà bianche
  • Area di vigneti : 25 ettari
  • Produzione di bottiglie di vino : 140.000 all'anno
  • Area di oliveti : 44 ettari
  • Produzione di olio d'oliva : 10.000 all'anno
  • Esportazione dei nostri vini : 28 paesi
  • Certificazione biologica e biodinamica : 3
  • Appartamenti : 7
  • Ville : 4
  • Ristoranti : 3
  • Visitatori : 5 000 all'anno
  • Squadra : 35 appassionati