20
giu
2015

le-vitamine

Le vitamine sono importanti perchè permettono all'organismo l'utilizzo delle pretoine, dei grassi e dei carboidrati esercitando una funzione antiossidante.

Si distinguono in idrosolubili (si sciolgono con l'acqua e sono più facilmente eliminabili) e liposolubili (si sciolgono in una soluzione alcolica e si immagazzinano più facilmente).

Al primo gruppo appartengono le vitamine B1, B2, B3, B5, B6, B8, B9, B12 e la vitamina C; mentre sono liposolubili la vitamina A, E, D e K.

Le vitamine agiscono come catalizzatori, avviano quindi i processi organici; unite agli enzimi si trasformano in coenzimi e possono agire anche direttamente in alcuni processi di sintesi degli ormoni.

Purtroppo ultimamente non basta avere un'alimentazione corretta per assumere tutte le vitamine necessarie a causa dei fertilizzanti e di altri agenti chimici utilizzati in agricotura e nell'industria. L' inquinamento aumenta la necessita di assunzione di vitamine, farmaci e l'assimilazone di tossine ha causano la formazione di radicali liberi nell'organismo.

Trovate frutta e verdura bio direttamente dall'orto della #fattorialavacchio alla nostra Bottega

22
ott
la-firenze-de-i-medici

La Firenze de i Medici

I Medici (Medici: Masters of Florence) è una serie televisiva anglo-italiana, che descrive l'ascesa della famiglia de' Medici, casata aristocratica a capo della città di Firenze durante il Rinascimento italiano.

La serie TV, diffusa in Italia e in prima visione mondiale da Rai nell'Ottobre 2016, è incentrata sulla storia della famiglia fiorentina dei Medici: protagonista è Cosimo de' Medici, che nel 1434 fu eletto gonfaloniere della città di Firenze, andando a costituire una signoria.

Se...

26
gen
bardana

Bardana

La bardana (Arctium iappa) è una pianta perenne della famiglia delle Asteraceae, conosciuta come dermopatica e utilizzata per acne, dermatiti, eczema, seborrea, forfora e psoriasi

Il fittone, esclusi i capolini tondi color porpora, può essere utilizzato come verdura simile agli spinaci, per quanto riguarda le foglir, mentre più simile agli asparagi per lo stelo. Quando è fresca ha un odore molto forte, ma svanisce con la cottura.

La bardana se bollita nel latte insieme ad alcune...

10
ott
aneto

Aneto

L'Aneto (nome scientifico Anethum graveolens L.) è una pianta erbacea dai piccoli fiori appartenente alla famiglia delle Apiaceae.

Tradizionalmente viene utilizzato nella cucina tedesca e scandinava.

Vista l'altezza che puà raggiungere  è consigliata la coltivazion in terra.

Molto buona se utilizzata nei piatti di pesce, soprattutto col salmone. Le foglie fresche, tritate, si aggiungono a frittate o spezzatini oppure si spargono sopra pomodori e cetrioli per insaporire.

Le sue...

05
nov
bergamotto

Bergamotto

Il bergamotto (Citrus × bergamia, Risso & Poit.) è un agrume del genere Citrus. Il nome deriva dal turco beg armudi = "pero del signore .

È un albero alto tra i tre e i quattro metri, con una corona tra i tre e i quattro metri. I fiori sono bianchi, molto profumati. Le foglie sono lucide e carnose come quelle dell'arancio e non cadono mai nemmeno in inverno. La fioritura e le nuove foglie spuntano appena finita la stagione delle piogge, all'inizio di marzo. Il frutto è grande poco più di...

02
set
finocchio

Finocchio

Il finocchio (Foeniculum vulgare Mill.) è una pianta erbacea mediterranea della famiglia delle Apiaceae (Ombrellifere).
Conosciuto fin dall'antichità per le sue proprietà aromatiche, la sua coltivazione orticola sembra che risalga al 1500

in cucina:
In cucina si possono usare tutte le parti del finocchio. Il grumolo bianco (erroneamente ritenuto un bulbo) del finocchio coltivato si può mangiare crudo nelle insalate oppure lessato e gratinato e si può aggiungere agli stufati.

Per quanto...

01
gen
la-ribollita-del-mulino:-quella-alla-nostra-maniera

La Ribollita del Mulino: quella alla nostra maniera!

La ribollita, tipica della stagione invernale, è una delle zuppe più conosciute della tradizione gastronomica Toscana. Siamo  di fronte ad un piatto di indubbie origini contadine, per i suoi ingredienti e per il suo stesso nome; la ribollita è un piatto di recupero, come lo sono molti dei piatti della cucina povera delle nostre campagne, quella in cui "non si butta via nulla".

Anticamente era tradizione preparare la ribollita il venerdì, in grande abbondanza, in modo da poterne mangiare...

Magazine

La bottega del mulino n°1

Download