shampoo-per-capelli-secchi

Shampoo fai da te per capelli secchi all’uovo

Lo shampoo fatto in casa all’uovo è un ottimo rimedio naturale per capelli secchi, sfibrati e tendenti a sviluppare doppie punte, patologia solitamente riconducibile all’inquinamento atmosferico e a squilibri nella produzione di sebo.

Semplice e veloce da realizzare, lo shampoo all’uovo ha la capacità di agire sul capello restituendogli forza, volume e lucentezza, grazie all’azione ristrutturante della lecitina e alle proprietà nutrienti delle vitamine contenute nell’uovo, oltre a quelle rivitalizzanti del ferro, dello iodio, dell’acido folico e del selenio.

Gli ingredienti per preparare questa maschera per capelli secchi sono:

  • tuorli d’uovo
  • succo di limone
  • acquavite

Per ottenere una dose di prodotto per lavare i capelli diverse volte, mescolate accuratamente due tuorli d’uovo col succo di mezzo limone e qualche goccia di acquavite (in alternativa a quest’ultima si può utilizzare del rhum), e il vostro shampoo è pronto.

Come applicare lo shampoo sui capelli?

  • Distribuite lo shampoo all’uovo sulla cute in maniera omogenea e massaggiate delicatamente.
  • Lasciate agire per circa mezz’ora avvolgendo i capelli in un asciugamano in un panno caldo, in modo che i capelli assorbano bene tutte le sostanze nutritive e rivitalizzanti.
  • Dunque risciacquate con abbondante acqua, troverete i vostri capelli più sani e lucenti già dopo le prima applicazioni.
  • Per un risultato ottimale si può aggiungere qualche goccia di olio di semi di lino, o un cucchiaino di semi di lino macerati, dotati di eccellenti proprietà idratanti e ricostituenti.

Ricordiamo, inoltre, che l’uovo può essere utilizzato anche per la preparazione di maschere per capelli da applicare periodicamente, utilizzando le diverse sue parti in base ai diversi scopi e problemi che si intende risolvere.

Ad esempio, se mescolando tuorlo e albume si può nutrire un capello normale, il tuorlo d’uovo è più indicato per il trattamento dei capelli secchi, mentre l’albume per quelli grassi.

02
gen
verbena-odorosa

Verbena odorosa

La verbena odorosa (Aloysia citriodora Palau) è una pianta arbustiva della famiglia delle Verbenaceae. La verbena odorosa, detta anche cedrina, aggiunge in cucina un gusto di limone a pesce e carni bianche, marinate di verdure, marmellate, dessert e bevande.

Si possono coltivare semi o talee, e la germogliazione avviene a fine primavera, inizio estate.

03
ott
cumino

Cumino

Il cumino (Cuminum cyminum L.) è una pianta erbacea originaria della Siria. I suoi semi sono simili a quelli del finocchio e dell'anice, ma sono più piccoli e più scuri.

Originario del Nord Africa, del Mediterraneo e di gran parte dell'Europa.
I semi vengono utilizzati come spezia nel pane, in pasticceria e nei formaggi; ma se coltivata anche le foglie e le radici sono commestibili.

Il cumino ha proprietà carminative e digestive ed è un buon rimedio naturale contro gonfiori e coliche...

21
nov
scrub-viso-naturale

Scrub viso naturale

SCRUB VISO CON ZUCCHERO  e.....

Ricco di acidi glicolico, lo zucchero possiede un'azione esfoliante delicata, particolarmente adatta anche per il viso e le labbra  screpolate.

In una ciotola unisci  zucchero e olio di cocco, altamente nutritivo e dall'aroma delizioso,  oppure miele: non dimenticare anche un cucchiaio di succo di limone fresco, detox e in grado di diluire il composto rendendolo facile da  spalmare.
Se hai una pianta di aloe puoi tagliare  una striscia di foglia, scavare...

10
giu
raccolta-differenziata

Raccolta differenziata

La raccolta differenziata indica un sistema di raccolta dei rifiuti che prevede una prima differenziazione in base al tipo da parte dei cittadini diversificandola dalla raccolta totalmente indifferenziata.
Lo scopo è  la separazione dei rifiuti in modo tale da reindirizzare ciascuna tipologia di rifiuto differenziato verso il rispettivo più adatto trattamento di smaltimento o recupero che va dallo stoccaggio in discarica o all'incenerimento/termovalorizzazione per il residuo indifferenziato,...

14
set
finocchiella

Finocchiella

Il finocchio selvatico è una pianta che nasce spontaneamente soprattutto nelle regioni mediterranee e lungo le coste.
Le foglie sanno di semi di anice, le radici possono essere utilizzate cotte o crude come verdura.

Provate questi semi in macedonie di frutta, gelati e crostate di mele.

PROPRIETA:
Senz’altro le proprietà che spiccano maggiormente fra tutte sono quella stimolante e digestiva, ma il finocchietto ha anche proprietà antispasmodiche, carminative (favorisce l’espulsione dei gas...

28
lug
fragola

Fragola

Uno studio statunitense dice che le fragole oltre ad essere gustose e succulente aiutano anche il cervello a ripulirsi dalle tossine, l'unica cosa che richiedono è di avere un terreno umido dove potersi sviluppare.

Si è anche scoperto che il frutto della pianta di fragole non sono le stesse fragole ma i piccoli e fastidiosissimi semini gialli che si trovano sulla superficie!!!!

Magazine

La bottega del mulino n°1

Download