i-gemmoderivati

Gemmoderivati: che cosa sono

I gemmoderivati sono i rimedi impiegati dalla gemmoterapia. Frutto delle ricerche del medico belga Pol Henry, si basa sull’intuizione che i tessuti meristematici delle piante (tessuti embrionali in via di accrescimento) contengono principi attivi diversi dal resto delle parti della pianta adulta, sia dal punto di vista qualitativo, che quantitativo.

La gemmoterapia prepara i rimedi a partire dai tessuti embrionali raccolti freschi, di diversi alberi e arbusti (le gemme e germogli emergenti), ma anche dalle parti riproduttive (semi e amenti) e giovani tessuti (le radici e la corteccia delle radici). In due casi, i rimedi sono anche ottenuti dalla linfa.

 

Gemmoderivati: come si preparano

Per la preparazione dei gemmoderivati si usano piante coltivate secondo rigidi criteri biologici, si evitano concimazioni chimiche e antiparassitari di sintesi, che alterano le loro caratteristiche biologiche, infine si scelgono individui che al momento della raccolta sono sani. Il tempo balsamico (o tempo di raccolta) varia a seconda della specie della pianta e della parte da raccogliere. Per le parti sotterranee, come radici, scorze di radici o rizomi il periodo più adatto va dall’autunno all’inverno, cioè quando in queste parti sono immagazzinate le sostanze nutritive e vitali. Per germogli e giovani parti aeree, le cortecce interne e gli steli, il tempo di raccolta è la primavera.

Secondo la farmacopea francese che regola questo tipo di preparazioni, le parti fresche così raccolte, vanno triturate e messe a macerare per 21 giorni in alcool (45°-65°) e glicerina (sovente naturale più delicato dell’alcool che non deteriora questi elementi così teneri e delicati). Questo è il motivo per cui i gemmoderivati sono conosciuti anche come macerati glicerici o macerati glicerinati. Al termine del periodo di macerazione si eseguono la decantazione, la spremitura del residuo solido e la filtrazione.

 

Tutti i gemmoterapici sono diluiti alla 1 DH che si ottiene diluendo una parte del macerato ottenuto dopo la filtrazione e 9 parti di soluzione conservante. Queste preparazioni vengono poi dinamizzate secondo i criteri dell’omeopatia classica; e servono infatti come base di partenza per i rimedi omeopatici a base vegetale.

 

Gemmoderivati: cosa curano

I gemmoterapici sono stimolatori del corpo, che orientano il nostro organismo verso la via della salute. La gemmoterapia si presta al drenaggio omeopatico che consiste nel sostenere e aiutare l’organismo durante la fase di disintossicazione da tossine che si accumulano nel corpo.

La caratteristica fondamentale della gemmoterapia è  di esercitare a livello energetico, un’azione disintossicante e di preparare il terreno di ogni organo a eventuali interventi successivi, di tipo omeopatico o fitoterapico. I  gemmoderivati non agiscono solamente sugli organi emuntori classici (fegato reni, pelle, intestino, polmoni), ma la estendono a tutti gli organi, secondo l’azione specifica del rimedio.

 Proponiamo qui di seguito un elenco parziale delle loro proprietà.

  • Anticellulite: gemmoderivato di castagno
  • Utili per stimolare la circolazione: gemmoderivati di sorgo, rosmarino, castanea vesca, ginkgo biloba
  • Indicati per allergie al polline e alla polvere: gemmoderivato di ribes nigrum e gemmoderivato di cedrus libani
  • Specifici per affezioni renali: gemmoderivato di crespino 
  • Corroborante per bambini e adulti: gemmoderivato di prugnolo
  • Adatti contro calcoli e colesterolo in eccesso: gemmoderivato di acer campestris e gemmoderivato di fraxinus excelsior

 

Assunzione e controindicazioni

I gemmoderivati si assumono per via orale, diluendo all’interno di un bicchiere d’acqua dalle 4 alle 10 gocce di preparato per ogni 10 kg di peso corporeo. Nonostante possano essere assunti fino a tre volte al giorno e in diversi momenti della giornata, per godere appieno dei loro effetti si consiglia di usarli al mattino prima della colazione e alla sera prima di andare a dormire. Si tenga tuttavia presente che il dosaggio di questi rimedi potrebbe variare in base al singolo prodotto.

I gemmoderivati, in modo simile ai fiori di Bach, possono essere usati da chiunque indipendentemente dall’età e dalle condizione fisiche di salute. Possono essere impiegati quindi da adulti e da bambini ed essere altresì utilizzati in concomitanza sia con farmaci che con altri tipi di rimedi omeopatici. Al loro impiego non sono finora state associate né controindicazionieffetti indesiderati. Si suggerisce tuttavia di utilizzarli per circa 2-3 mesi e di interromperne l’assunzione per dieci giorni prima di riprendere la terapia.

07
gen
cerfoglio

Cerfoglio

Il cerfoglio (Anthriscus cerefolium ) è una pianta annuale importata in Europa dai Romani dalla Russia meridionale, dal Caucaso o dal Medio Oriente; si è ormai naturalizzata nella flora americana, nordafricana ed europea, cresce infatti spontaneamente nei boschi e nei prati.

Viene usato come fosse prezzemolo, anche se ha un aroma leggermente più dolce. Particolarmente indicato con le uova. È molto popolare in Francia dove è aggiunto ad omelette, insalate e zuppe; abbastanza raro da...

23
set
basilico-tailandese

Basilico Tailandese

Il basilico è una pianta erbacea annuale, appartenente alla famiglia delle Lamiaceae, normalmente coltivata come pianta aromatica.

Originario dell'India, il basilico è utilizzato tipicamente nella cucina italiana e nelle cucine asiatiche in Taiwan, Thailandia, Vietnam, Cambogia e Laos, per via del marcato profumo delle sue foglie, che a seconda della varietà può essere più o meno dolce o pungente.

Basilico tailandese (O. basilicum var. thyrsiflora), l'aroma delle sue foglie ricorda la...

16
lug
il-cedro-del-libano,-lavacchio

Il Cedro del Libano, Lavacchio

CURIOSITA:

Il cedro del Libano è una specie di cedro. Fa parte della famiglia delle Pinacee. Migliaia di anni fa estesi boschi di questo albero ricoprivano i pendii montuosi di tutto il Vicino Oriente. Oggi nella sua zona di origine nella catena del Monte Libano sopravvivono solo poche centinaia di esemplari. È l'albero rappresentato nella bandiera del Libano.

Nell'Antico Testamento si narra che con il legno del cedro del Libano vennero edificate le colonne del Tempio di Salomone; da...

15
ago
more

More

Metà agosto, soprattutto sui monti ma anche nelle colline fiorentine del Chianti Rufina, è di solito il tempo di raccogliere frutti bosco come more, mirtilli, lamponi. In ogni caso le more sono abbondantissime e saporite, quindi, sfidando i rovi e le loro spine, ne ho fatto una buona scorta, oltre che una bella scorpacciata. Vanno raccolte quando sono nere e morbide, perchè il loro sapore sia dolce e pieno.

Questi frutti sono ricchi di acido gallico, rutina e acido ellagico, sostanze che...

28
gen
ma-quale-celiachia...

Ma quale celiachia...

Sono almeno 12 mila anni che l’umanità si nutre di frumento, senza problemi. E di colpo, ecco sorgere la “intolleranza al glutine”, con relativo ipersviluppo degli affari relativi a questa “malattia”: paste senza glutine a 5 volte il prezzo delle normali, prodotti bio dove l’etichetta dichiara “senza glutine” … Ma il glutine è un veleno?

Il problema vero deriva dai prodotti che vengono utilizzati per coltivare il grano. Leggete questo articolo, con l'augurio che diventiate...

25
apr
kefir-di-latte

Kefir di latte

Niente di meno che latte fermentato simile allo yogurt, il Kefir è una bevanda rinfrescante e salutare, ricca di fermenti lattici e probiotici vivi e benefici, dal gusto fresco, leggermente acido ma dal sapore particolarmente piacevole.

Scoperto e subito apprezzato dall’uomo già migliaia di anni fa, originario del Caucaso, il Kefir viene preparato in modo tradizionale utilizzando latte fresco (di pecora, capra o vacca) e i fermenti o granuli di Kefir formati da un polisaccaride chiamato ...